fbpx

Valutazione della Composizione Corporea tramite Plicometria e Bioimpedenziometria

Lorem Ipsum is simply dummy text..

Valutazione della Composizione Corporea tramite Plicometria e Bioimpedenziometria

PLICOMETRIA e
BIOIMPENDENZIOMETRIA

Prevenire e Migliorare Problemi di Salute.

L’analisi della composizione corporea, all’interno DEL MIO STUDIO è finalizzata allo studio della funzione nutrizionale e delle necessità energetiche del soggetto analizzato. Tale indagine risulta importante per definire correttamente una dieta e impostare un efficace piano di allenamento o di attività fisica mirata.
Essa ci permette di quantificare la componente muscolare, ossea e di grasso corporeo, il livello di idratazione (acqua totale), distribuzione di acqua intra ed extracellulare, minerali totali, massa metabolicamente attiva, metabolismo basale correlato alla massa cellulare.

L’analisi della composizione corporea, in sostanza, permette di delineare il profilo fisiologico del soggetto.
La valutazione della composizione corporea è utilizzata per identificare il rischio di salute del cliente associato a eccessivo accumulo di grasso, specie se addominale, e monitorare i cambiamenti di composizione corporea che sono associati ad alcune malattie, permettendo di prevenire o migliorare problemi di salute.
Le modalità di rilevazione sono: la PLICOMETRIA e la BIA (BIOIMPENDENZIOMETRIA).

Un Esame avazanto della composizione corporea dal tuo Nutrizionista di fiducia

Uomo Dati Biometrici
Donna dati Biometrici
FFM
Massa Magra
FM
Massa Grassa
BCM
Massa Cellulare
ECM
Massa Extracellulare
TBW
Acqua Totale
ICW
Acqua Intercellulare
ECW
Acqua Extracellulare
Plicometria

La PLICOMETRIA

Tra i metodi antropometrici per la misurazione della composizione corporea, la plicometria rappresenta una soluzione semplice, accurata e poco invasiva. Inoltre, questo esame è fondamentale per poter determinare il somatotipo e la somatocarta, ovvero il profilo di appartenenza suddiviso per endomorfo, mesomorfo ed ectomorfo. Richiede l’utilizzo di uno strumento correttamente tarato e di un operatore adeguatamente formato, con buone doti manuali. La tecnica si basa sulla misurazione del pannicolo adiposo sottocutaneo in specifici punti del corpo.
Poi, attraverso apposite formule si calcolerà prima la densità corporea (DC) ed in seguito si predirà la percentuale di grasso corporeo (%FM). I principi alla base dell’esame plicometrico possono essere riassunti in due punti fondamentali forniti dagli studi scientifici:
Lo spessore della plica cutanea è correlata al grasso sottocutaneo (Clarys et al. 1987);
Esiste correlazione tra grasso sottocutaneo e grasso corporeo (Quatrochi et al. 1992).
Per concludere la plicometria rappresenta un metodo di misurazione della composizione corporea poco invasivo che, oltre a stimare la massa grassa del soggetto analizzato, fornisce indicazioni sulla distribuzione del grasso corporeo.

In genere la quota calorica da integrare è rappresentata dal 15-20% del normale apporto giornaliero dello sportivo.

La BIOIMPENDENZIOMETRIA

La bioimpedenziometria è la più innovativa fra le tecniche di rilevazione della composizione corporea: in pochi minuti, grazie a un’apparecchiatura elettronica, è in grado di determinare in via indiretta la percentuale di grasso.. Si tratta di una tecnica basata sulla bioimpedenza ovvero la resistenza che l’organismo oppone al passaggio di una corrente alternata a frequenze fisse. Tale resistenza è determinata dalle caratteristiche di conducibilità dei diversi tessuti di cui è composto l’organismo.
Il corpo umano è costituito per circa il 60% di acqua, un ottimo conduttore. Il grasso corporeo, che invece è un pessimo conduttore, oppone una resistenza maggiore al passaggio della corrente. Più alta è la quantità di massa grassa, maggiore è la bioimpedenza opposta dall’organismo. Sono molti gli strumenti proposti, ma pochissimi quelli seri e affidabili. Per effettuare questo esame si viene messi in posizione orizzontale , vengono applicati quattro elettrodi , due sulla mano destra e due sul piede destro e viene fatta passare una corrente elettrica impercettibile che andrà a scansionare l’acqua corporea. In sostanza si sfrutta la conduzione elettrica, la massa magra essendo ricca di acqua e di elettroliti è un buon conduttore, mentre il tessuto grasso è un cattivo conduttore.
Il test deve essere seguito da un operatore esperto, in grado di posizionare correttamente gli elettrodi e collocare gli arti nelle giuste angolazioni rispetto al tronco.
Ogni piccola variazione nel posizionamento di elettrodi e arti, così come la scorretta taratura dell’apparecchio, infatti, possono causare errori consistenti.

BIOIMPENDENZIOMETRIA

CONTATTAMI PER FISSARE UN APPUNTAMENTO

Compila il seguente form e verrai ricontattato al più presto per fissare un appuntamento e avere maggiori informazioni.

 

NutrizioneStile

I Miei Servizi

Diete personalizzate

Nutrizione Sportiva

Nutrizione Pediatrica

Sistema di Digital Diet tramite App mobile

Dieta
Chetogenica

Elaborazione di menù per ristorazione collettiva