fbpx

Gelato sostituto del PASTO: SI o NO?


TRA LE DOMANDE PIÙ’ GETTONATE DELL’ESTATE

‘Posso sostituire un pasto principale con un gelato? Alla fine se mangio un primo con un secondo e un contorno siamo lì con le calorie!’.
Questa è una convinzione comune. Eppure il nutrizionista dice di no…per quale motivo? 
La risposta sta non tanto nella composizione calorica del pasto, quanto nella COMPOSIZIONE NUTRIZIONALE.
E’ tutta un’altra faccenda. 

In un cono con gelato artigianale troviamo una determinata composizione di carboidrati, grassi e proteine che varia con quella del pasto classico. 

Come? Vediamo brevemente le differenze.
➡ CARBOIDRATI. Se in un piatto di pasta troviamo una fonte di carboidrati complessi (amido e fibra) che permettono un lento aumento della glicemia e quindi dell’insulina, nel gelato troviamo prevalentemente zuccheri semplici (sciroppo di glucosio ed emulsionanti). Nel primo caso avremo un certo controllo glicemico (quindi diamo una mano alla nostra cara insulina), nel secondo un picco glicemico molto più elevato perché stiamo dando all’organismo una fonte di zuccheri immediatamente disponibile e spendibile. 


GRASSI. Se nel pasto ‘’normale’’ abbiamo grassi buoni che possono provenire dall’olio extravergine d’oliva, nel gelato possiamo trovare grassi idrogenati, quindi industriali, addizionati anche ai gusti dove di grassi non dovremmo trovare traccia (quelli alla frutta per primi).

 
 PROTEINE. Se nel nostro pranzo scegliamo carne, pesce o legumi o ancora uova avremo sicuramente proteine ad elevato valore biologico che vanno a cozzare con quelle del gelato provenienti, principalmente, dalla panna.

Quindi è vero che possiamo avere le stesse calorie, ma cambia notevolmente il quadro nutrizionale che, nel pasto classico è notevolmente più bilanciato. Con il gelato avremo un picco glicemico sostanzialmente più elevato, uno scarso apporto di fibra e proteine, grassi non proprio eccellenti. Inoltre…tornerà in tempi molto brevi (proprio per aver alzato così tanto la nostra glicemia) il senso di fame! 

QUINDI?
In estate è ovvio che la nostra alimentazione cambi, si desidera qualcosa di fresco e gustoso, ma questo deve avvenire con una scelta consapevole. Scegliere prodotti freschi, di stagione, prediligere erbe aromatiche e spezie nelle nostre preparazioni, cereali in chicchi, pesce e legumi è sicuramente una scelta migliore del più peccaminoso gelato che comunque possiamo sempre lasciare per le serate con gli amici, al mare e sotto il sole. 


Non è necessario rinunciare, ma scegliere in modo consapevole! Non più di una-due volte a settimana e…si, per rientrare, almeno, nelle kcal giornaliere preferiamo una coppetta piccola come spuntino o con cono come sostituto del pasto. Ma poi si torna a mangiare bene, bere tanto e a svolgere la giusta attività fisica giornaliera che sia sport, allenamento in palestra e/o all’aria aperta o lunghe passeggiate serali.

Mi preme dire che bisogna godersi i momenti migliori con le giuste persone in totale tranquillità. Un piccolo pasto libero non compromette il risultato di una settimana di corretta alimentazione.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

You may use these <abbr title="HyperText Markup Language">HTML</abbr> tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*